La telecamera per uso amatoriale, guida all’acquisto

Condividi

In questo articolo, secondo la mia esperienza e secondo il mio modo di valutare gli acquisti, vedremo come orientarci nella scelta di una telecamera amatoriale.

I modelli sono tanti e, proprio per questo, risulta difficile la scelta, specialmente se non si conoscono quali parametri considerare per l’acquisto più adatto. In questa guida cercherò di aiutarti.

La telecamera per uso amatoriale innanzitutto deve essere qualcosa che costi poco, pratica da portare con se e soprattuto semplice da utilizzare. Devi porti alcune fondamentali domande:

A cosa ti serve la telecamera?

  • Hai bisogno di qualcosa di piccolo, leggero e non ingombrante?
  • Utilizzerai la telecamera in occasioni speciali, tra amici, in famiglia, in viaggio o per puro svago?
  • Salverai i file sul computer e ne farai un DVD senza alcuna postproduzione o con un minimo di postproduzione?
  • Non hai bisogno di registrare audio da un microfono o fonti esterne?

Se la risposta a queste domande è sempre SI, allora hai bisogno di una telecamera amatoriale e nulla di più.
I prezzi di queste telecamere possono variare dai 100€ ai 300€, ciò che fa oscillare il prezzo sono per lo più le seguenti caratteristiche che vanno valutate in base alle proprie esigenze:

Il tipo di sensore:

01 sensore

le telecamerine moderne sono dotate ormai tutte di sensore cmos, ovvero un sensore simile a quelli delle macchine fotografiche e sono tutte in grado di registrare in FULL HD, ovvero ad una risoluzione di 1920×1080 pixel. Ovviamente non tutti i sensori sono uguali e ciò che dobbiamo valutare sono i megapixel effettivi del sensore, la massima risoluzione verticale e la sua dimensione in pollici.

Un sensore con megapixel effettivi più elevato garantisce ovviamente una resa migliore, è capace di catturare maggiori dettagli e di generare minore rumorosità dell’immagine.

Tanti megapixel, però, sono inutili se il sensore è piccolo! Un sensore molto piccolo, come quello dei telefonini, non può garantire una buona qualità nonostante i tanti megapixel; un sensore grande, come quello di una reflex, sarà sicuramente molto affidabile e di una resa migliore. Infine la risoluzione verticale, in una telecamera dichiarata FULL HD, deve essere di 1920pixel, se è inferiore l’immagine in realtà prodotta dal sensore subisce un ingrandimento software e quindi una notevole perdita di qualità, quindi diffidate di queste telecamere.

Le telecamere a 3CCD ormai sono obsolete e questo tipo di tecnologia non viene più utilizzata sebbene i CCD sono migliori dei CMOS. i 3CCD consumavano troppa energia ma garantivano una ampia gamma cromatica, poco rumore in condizioni di bassa luminosità e maggiore dettaglio. I CMOS li hanno soppiantati essendo più economici da produrre, più piccoli ma comunque di buona resa per la fascia non professionale.
in conclusione, per quanto riguarda il sensore, diffidare di sensori piccoli, risoluzioni basse

 

L’ottica:

02 ottica

L’ottica, ovvero l’occhio della telecamera. Spesso ci si fa illudere da potenti zoom (200x, 300X, 500x), permettimi la finezza… tutte cazzate! Quello che interessa è lo zoom ottico, di solito uno zoom 10x è più che sufficiente, ma la moderna tecnologia arriva anche a zoom ottici di 52x, lo zoom digitale è inutile valutarlo, non è altro che un ingrandimento digitale dell’immagine che sgrana, sfoca e aggiunge rumore, una cosa inutile insomma, un valore da ignorare.

Ritornando allo zoom ottico diciamo che ti puoi accontentare benissimo di un classico 21x, tenendo presente che più aumenta lo zoom e più le riprese possono venire mosse, anche un piccolo tremore della mano ad elevati fattori di zoom diventa un terremoto. Inoltre un fattore di pignoleria puo essere la luminosità dell’ottica, anche se su telecamere amatoriali è piuttosto relativo. Un’ottica con f2.8 èsicuramente migliore di una con F3.2

 

Lo stabilizzatore

03 stab

Riguardo le immagini mosse assicurati che la telecamera che stai acquistando abbia un buon sistema di stabilizzazione dell’immagine, ogni casa produttrice ha dato un nome al loro stabilizzatore (Panasonic O.I.S., Sony SteadyShot, Canon Image Stabilizer) assicurati che la telecamerina sia dotata del sistema antivibrazioni, essendo telecamerine palmari sono soggette a tremori della mano, piccole vibrazioni e movimenti involontari che renderanno le tue riprese… pessime!

 

Le funzioni aggiuntive

04 funz

Questo parametro, per quanto poco considerato, fa lievitare il prezzo. Le funzioni indispensabili della telecamerina che intendi acquistare, nel caso amatoriale, sono due: che sia capace di registrare e che sia totalmente automatica nella messa a fuoco e nel bilanciamento colore.

Tutte le altre funzioni per quello di cui hai bisogno sono inutili! Probabilmente troverai telecamerine amatoriali che dispongono di effetti (bianco e nero, sepia, invertito), di impostazioni avanzate di ripresa (messa a fuoco manuale, bilanciamento del bianco manuale), funzioni di montaggio integrato (tagli scene, dissolvenze, titolazione), ripresa notturna, zoom, riconoscimento dei volti, funzioni di macchina fotografica, timelapse, telecamera secondaria, proiettore laterale, wifi, interfacciamento con il telefonino e chi più ne ha più ne metta.

Non farti abbindolare, sono cose che quasi sicuramente non userai mai! MAI! A te serve una telecamera che registri e che ti permetta di conservare le tue registrazioni su PC, per poi farne DVD o qualche piccolo montaggio. Il resto è superfluo.

 

Le connessioni

05 conn

La telecamerina deve avere d’obbligo due connessioni: una USB, per trasferire i file dalla scheda al PC (nel caso non possiedi un lettore di memory card) e una uscita HDMI, per collegare la telecamerina direttamente al televisore e vedere subito ciò che hai registrato con amici, parenti o da solo! Tutto il resto non ti serve.

Non acquistare telecamerine che hanno ingresso microfonico, uscita cuffie, uscita SD, uscita component, monitor esterno ed altro, non sono cose di cui hai bisogno, altrimenti non avresti deciso l’acquisto di una telecamera amatoriale, ma qualcosa di più serio e più dispendioso.

 

Il Formato di registrazione

06 avchd

Tutte le telecamerine moderne registrano in AVCHD, con compressione H.264, formato compatibile con qualsiasi sistema video, computer e telefonino. Le telecamere amatoriali di solito registrano in un unico formato AVCHD 1080/24p (24p sta per 24 fotogrammi al secondo con scansione progressiva) tra i 18 ed i 28Mbs, alcuni modelli sono in grado di registrare anche in altri formati 1080/60p, 1080/50p, o a risoluzioni inferiori 720/60p, 720/50p, permettendo anche di abbassare i megabit della registrazione, questo è un parametro da non sottovalutare, avere la possibilità di registrare in vari formati, soprattutto anche formati inferiori al 1920×1080, potrebbe essere utile per risparmiare spazio sulla memoria di registrazione o avere file più piccoli da poter trasmettere tramite più facilmente tramite internet.

 

La memoria di registrazione

Diffida di telecamere che hanno la sola memoria interna di registrazione di pochi GB, a meno che non siano dotate di un HD interno di molti GB, ma in tal caso rischi di far lievitare il prezzo e probabilmente non ne vale la pena. Acquista una telecamera che registri su schede di memoria fino a 64GB e oltre e non risparmiare sulle SD.

Compra almeno una SDHC categoria 10 di 32Gb, avrai poco più di due ore di registrazione in fullHD e compra sempre una scheda di riserva, specialmente se vai in vacanza.

 

La batteria

08 batt

Le batterie delle nuove telecamere durano tra i 40 minuti e 1h di registrazione continua, per risparmiare batteria è importante spegnere la telecamera quando non la si utilizza ed evitare di sforzarla utilizzando la telecamera per vedere le registrazioni appena fatte o applicando effetti alle riprese (se disponibili). Il mio consiglio è di acquistare una batteria aggiuntiva, è un acquisto che vale la pena.

Trovarsi con la batteria scarica, senza poter effettuare riprese e con il solo peso della telecamera… è aberrante. Purtroppo una batteria di riserva originale costa tra i 30€/50€ per quella normale e tra i 60€/90€ per quella a lunga durata. E’ sicuramente un acquisto da valutare in base all’utilizzo che se ne intende fare.

 

In conclusione

Concludendo il discorso sulla telecamera amatoriale, il mio consiglio è che se vuoi fare riprese poco impegnative, vuoi divertirti, vuoi avere un ricordo di qualità discreta, non necessiti di accessori quali microfono o faretto e vuoi un oggetto pratico e leggero da portare con te, anche ogni giorno, non spendere soldi inutili acquistando telecamere costose con funzioni che non utilizzerai mai, orientati su modelli base e di poche pretese.

Ecco alcuni esempi dai quali puoi prendere spunti ed idee:


Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.