Allestire uno studio fotografico economico

Condividi

Allestire uno studio fotografico economico è possibile? Certo! L’importante è che sia economico e non scadente!

In commercio oggi esistono tantissimi prodotti cinesi che, sappilo, non hanno nulla a che vedere con prodotti professionali di marca. Spesso peccano nella qualità dei materiali, nella durata stessa del prodotto e nell’affidabilità. Ma è pur vero che i prodotti di marca costano, ma tanto! Quindi, per chi non ha la possibilità di spendere tanti soldi, ma che comunque è intenzionato ad investire una somma in ciò che è una passione o in ciò che potrebbe essere un futuro lavoro, le soluzioni ci sono.

allestire uno studio fotografico amatoriale

Vediamo insieme di cosa abbiamo bisogno per allestire uno studio fotografico economico:

Il luogo

Sembrerà banale… ma per allestire uno studio fotografico hai bisogno di una stanza! Ma che tipo di stanza? Diciamo che un garage, un piccolo negozio o una stanza del nostro appartamento per iniziare può essere più che sufficiente, la cosa importante è che rispetti alcune caratteristiche importanti:

  • il luogo in cui lavoriamo non sia eccessivamente piccolo;
  • sia abbastanza alto da poter posizionare luci e flash;
  • abbia la possibilità di oscurare le fonti di luce esterne (finestre, porte e lucernari)
  • non vi siano pareti colorate che possono creare fastidiose rifrazioni.

A tal proposito, è importante considerare una stanza che possa essere adibita a solo studio fotografico, nel caso non sia possibile considera un’attrezzatura che sia possible montare e smontare facilmente, in poco tempo e che possa essere riposta in poco spazio.

Le luci

Per allestire uno studio fotografico economico non puoi di certo rinunciare alle luci. Puoi scegliere tra lampade, flash o entrambi, dipende da ciò che vuoi fare e dalla tua esperienza. Con le lampade continue puoi creare più facilmente uno schema di luce, avendo la possibilità di vedere “in diretta” gli effetti della luce, inoltre hai il vantaggio di regolare meglio l’esposizione della tua macchina fotografica, specialmente se non hai molta esperienza.

Il flash ha sicuramente molti più vantaggi: è più potente, è più vicino alla luce naturale, funziona a batterie, consuma meno, non infastidisce il soggetto ed è più semplice da spostare e posizionare, specialmente se si tratta dei comuni flash che possono essere posizionati anche direttamente sulle macchine fotografiche.

Ovviamente, per il tuo studio fotografico, non posizionerai il flash direttamente sulla macchina fotografica, bensì su uno stativo e sicuramente avrai bisogno di almeno due flash, meglio tre, in modo da poter ricreare i più diffusi schemi di luce. Per innescare più flash hai fondamentalmente due possibilità:

  • Utilizzare dei trigger radio;
  • acquistare dei flash che supportino la modalità “Slave”

I trigger economici non sono in grado di trasmettere da un flash all’altro tutte le informazioni necessarie all’utilizzo del flash in automatico, in tal caso dovremmo utilizzare il nostro flash in modalità manuale e, poiché il nostro obiettivo è risparmiare soldi e cominciare ad allestire uno studio fotografico economico, ci accontenteremo!

I flash moderni supportano quasi tutti la modalità slave, anche quelli più economici. Di fatto la modalità slave attiva una fotocellula all’interno del flash che fa scattare il flash appena viene rilevato il lampo del flash principale che, nel nostro caso, sarà un flash collegato via radio (con il trigger) alla macchina fotografica o con un cavo PC sync o direttamente sulla macchina fotografica, quest’ultima modalità è sconsigliata, poiché il flash direttamente sulla macchina ci vincola a non poterlo spostare e ad avere una luce frontale al nostro soggetto.

Nel caso volessimo risparmiare ulteriormente, possiamo optare per l’acquisto di lampade continue a luce bianca. Esistono tantissimi modelli, anche molto economici. Alcuni hanno la possibilità di essere utilizzati con le batterie, ma la durata è alquanto sconfortante.

Gli accessori

Qualunque sia la tua scelta, flash, lampade o entrambi, non puoi evitare di acquistare gli stativi. Cosa sono? Sono dei cavalletti sui quali vai a montare le luci. Sono piccoli, leggeri, coprono altezze superiori ai due metri e si trovano ad un buon prezzo (parliamo sempre di prodotti di fascia bassa).

E’ importante considerare anche uno stativo a giraffa, questo ci permette di posizionare flash o lampade sopra il nostro soggetto, senza la necessità di dover posizionare lampade e meccanismi al soffitto.

I flash sono a luce bianca, così come le lampade. Potremmo avere la necessità di acquistare delle pellicole trasparenti colorate che ci danno la possibilità di colorare la luce del flash. Risultano indispensabili quando vogliamo illuminare lo sfondo di un colore particolare oppure per creare riflessi o ambientazioni particolari.

I riflettori di luce. Spesso sottovalutati, ma in realtà davvero indispensabili. Sono pannelli, solitamente circolari, che ti permettono di riflettere la luce del flash, di assorbirla o di filtrarla al fine di ammorbidire le ombre sul soggetto. Posizionando questi pannelli puoi ottenere fantastici giochi di luce ed ombre che renderanno le tue fotografie un vero spettacolo. Risorda di acquistare anche delle pinze per poterli fissare agli stativi.

I Softbox e gli ombrelli: anche questi sono accessori indispensabili nel tuo studio fotografico. Servono a rendere la luce più tenue e ad ammorbidire le ombre. La luce, grazie ad essi, sarà soffusa e diffusa sul soggetto con ombre morbide. Utilizzando questi accessori è importante considerare il notevole attenuarsi della luce. Esistono diverse forme e dimensioni, dipende da quali saranno i nostri soggetti, quindi sarebbe opportuno averne diversi tipi, in modo da poter fotografare qualunque cosa. Per iniziare, però direi che un paio di softbox quadrati o ottagonali sono più che sufficienti.

Lo sfondo

Lo sfondo del tuo studio fotografico è fondamentale. Puoi sfruttare una parete bianca o grigia nella stanza o acquistare dei fondali, di solito è sufficiente uno bianco ed uno nero, il colore può essere dato con le pellicole colorate sui flash o in post-produzione. In un secondo momento puoi sempre acquistare nuovi colori in base alle tue esigenze.

In linea di massima diciamo che hai tutto il necessario per allestire uno studio fotografico amatoriale ed iniziare a scattare fotografie. Ci sarebbero tantissimi accessori da poter acquistare. Il mondo della fotografia è vario, ampio e… costoso.

Alcuni piccoli consigli

Limitati ad acquistare il minimo necessario, ulteriori accessori di cui hai bisogno puoi sempre comprarli in un secondo momento.

Arreda lo studio fotografico con sgabelli e tavolini di colore neutro, posso esserti utili in qualunque occasione.

Dota tutti i cavalletti di rotelle con freno, eviterai inutili sforzi e movimenti bruschi che potrebbero danneggiare le economiche attrezzature.

Tieni sempre pulito il tuo studio fotografico. La polvere è nemica dell’attrezzatura.

Uno studio fotografico può essere allestito anche con “mezzi di fortuna“. Basta un poco di inventiva e qualche tutorial su internet per costruire un softbox, un fondale, delle pellicole colorate o dei supporti per le nostre attrezzature. L’importante è che il tutto, come già detto in precedenza, sia economico e NON scadente. Uno studio allestito con scope, cartoni e polistirolo sarà sicuramente economico, ma visivamente poco professionale e creare problemi “strutturali” nei momenti meno opportuni. Tutto dipende da cosa vuoi fare! L’importante è cominciare a farlo!


Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prova subito gratis i template per Photoshop
di Graphixmania.it!

prezzo template

Per te subito due template gratis da utilizzare per i tuoi album e se sei soddisfatto puoi comprare il set completo ad un prezzo unico!